Numeri del tabagismo (dati dal MinSalute)

I NUMERI DEL TABAGISMO
Il tabacco provoca più decessi di alcol, aids, droghe, incidenti stradali e suicidi messi insieme. Il tabacco è una causa nota o probabile di almeno 25 malattie, tra le quali broncopneumopatie croniche ostruttive ed altre patologie polmonari croniche, cancro del polmone ed altre forme di cancro, cardiopatie, vasculopatie. Secondo i dati OMS, il fumo di tabacco è la più grande minaccia per la salute ed il più importante fattore di rischio delle malattie croniche non trasmissibili, a livello mondiale, con circa un miliardo di fumatori, di cui l’80% vive in paesi a basso e medio reddito, nei quali il carico di malattia e mortalità collegato al tabacco è più pesante.
A livello mondiale, si stima che il consumo di tabacco uccida attualmente quasi 6 milioni di persone ogni anno. Nella UE il tabacco è responsabile di quasi 700.000 morti ogni anno, mentre milioni di cittadini dell’UE soffrono di malattie correlate al fumo, tra cui cancro, malattie cardiovascolari e malattie respiratorie. In Italia si stima che siano attribuibili al fumo tra le 70.000 e le 83.000 morti l’anno, con oltre il 25% dei decessi che avviene tra i 35 ed i 65 anni di età.
Tutti i dati sopra citati derivano da studi svolti dall’ OMS, che si è soffermata sulla diffusione dell’abitudine tabagica in particolare tra i ragazzi e gli adolescenti.